MIXED REALITY E MEDICINA: UN FUTURO ALL’INSEGNA DELL’INNOVAZIONE

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

L’innovazione tecnologica in campo medico è sicuramente uno dei trend topic di maggior interesse che vede investimenti importanti da parte di enti pubblici e privati.

Con l’avvento dell’era 4.0 l’attenzione si è spostata sui potenziali effetti positivi che l’utilizzo di sistemi basati sulla realtà virtuale ed aumentata possono portare in medicina.

A ciò si aggiunga, che da gennaio di quest’anno la telemedicina è stata ufficialmente integrata al Servizio Sanitario Nazionale dando finalmente una spinta verso l’utilizzo di tecnologie in grado di abbattere le barriere dovute alla distanza fisica.

REALTÀ VIRTUALE ED AUMENTATA: DEFINIZIONE E DIFFERENZE

La realtà aumentata arricchisce la realtà con tutta una serie di informazioni che sovrappone a ciò che vedono gli occhi davanti al loro campo visivo, quindi aggiunge elementi multimediali in realtà inesistenti consentendo agli utenti di vivere un’esperienza interattiva unica. La realtà aumentata arricchisce l’esperienza umana grazie a dispositivi mobile tecnologici come smartphone e tablet, con il quale è possibile osservare elementi virtuali ed interagire con la nostra realtà.

La realtà virtuale, invece, crea un mondo totalmente nuovo che non esiste da nessun’altra parte se non nella “realtà” a cui appartiene. Per riprendere le definizioni da manuale, potremmo dire che la realtà virtuale combina dispositivi hardware e software che collaborano tra di loro per creare uno spazio virtuale all’interno del quale l’utente può muoversi liberamente. Si tratta di una realtà simulata, ovvero costruita al computer, di un mondo simulato e tridimensionale che appare reale e fa provare all’utente esperienze totalmente immersive.

Quindi, mentre nel caso della realtà aumentata è il mondo virtuale a “entrare” in quello reale, nel caso della realtà virtuale siamo noi ad “entrare” in un nuovo mondo.

REALTÀ VIRTUALE E MEDICINA: CAMPI DI APPLICAZIONE

Quando si parla di realtà virtuale (VR) l’accostamento con il mondo del gaming è quasi naturale, ma in realtà le applicazioni in ambito medico sono molteplici e di grande interesse per il mondo scientifico. Basti pensare che l’investimento in dispositivi di realtà virtuale in campo medico ha raggiunto i 2,5 miliardi di euro a fine 2020.

Esempi di applicazione della realtà virtuale in campo sanitario possono essere ricondotti a:

REALTÀ AUMENTATA E APPLICAZIONI IN CAMPO MEDICO

Un’accelerazione nell’utilizzo della realtà aumentata in campo medico si è avuta negli ultimi mesi grazie alla diffusione delle reti 5G. Infatti, per poter utilizzare la realtà aumentata in un settore delicato come quello medico, è necessario avere una connessione ultrapotente e stabile.

L’innovazione portata dalla realtà aumentata permette di lavorare a distanza andando ad abbattere le barriere fisiche e spaziali. Ecco alcuni esempi di applicazione in campo medico-sanitario.

REALTÀ AUMENTATA E GESTIONE DEGLI ECOGRAFI DA REMOTO

La tecnologia di realtà aumentata offre al medico uno strumento per ottenere in tempo reale un supporto remoto «live» da altri colleghi e collaboratori. Il medico, dotato di Smart Glasses, con un’equipe medica che condivide visivamente lo stesso teatro operativo e partecipa da remoto alle attività svolte sul campo, viene così supportato per svolgere con maggior efficacia il suo intervento.

IL ROBOT CHIRURGICO

Un altro elemento di innovazione legato alla realtà aumentata è il robot chirurgico, una piattaforma robotica che consente di eseguire interventi mini invasivi complessi e ad alta precisione.

Sta diventando una presenza fissa nelle sale operatorie, ma non è un robot dotato di intelligenza artificiale: non è in grado di prendere decisioni autonome, ma viene controllato a distanza da un vero chirurgo che sceglie come e quando utilizzarlo.

I vantaggi derivanti dall’uso del robot chirurgico sono diversi: non lascia cicatrici estese, riduce i tempi di degenza e consente una ripresa post-operatoria più rapida.

I suoi principali campi di applicazione sono l’urologia, la chirurgia generale, la cardiochirurgia e la ginecologia.

PROSPETTIVE FUTURE

Sebbene ancora l’utilizzo di queste tecnologie sia in fase sperimentale è evidente come nel prossimo futuro il loro utilizzo sarà quotidiano. Questi sono classici esempi di come le innovazioni tecnologiche sono e devono essere al servizio delle persone e che il loro utilizzo migliora la qualità della vita.                       

Se stai cercando un partner autorevole per soluzioni e-health e progetti, Ippocrate AS potrebbe essere la soluzione per te.